Amelia

Gio'Sub Amelia
Nuovo prodotto tecnico per illuminare l'oscurità.

Leggi tutto...

Da più di vent'anni il nome Gio'Sub significa illuminatori subacquei resistenti e pratici da utilizzare in ogni ambito. Dalla subacquea ricreativa, all'esplorazione speleo; dall'immersione tecnica alle riprese video professionali.

Dal 2005 è al fianco di diversi esploratori ed ha contribuito ad illuminare grotte ed abissi oceanici assieme ai suoi testimonial prodotti che si sono avvicendati per portare, sempre oltre il limite, la luce di Gio'Sub.

Speleo subacquei di fama internazionale ed esploratori di relitti profondi hanno testato e stressato i prodotti Gio'Sub ben oltre le condizioni delle immersioni ricreative contribendo, in questo modo, a perfezionare i prodotti e migliorarli nel loro utilizzo.

Al fianco di Gigi Casati abbiamo illuminato le grotte dell'Oliero (Cogol dei siori e Cogol dei Veci), la sorgente Bossi, il Laurino, la Grava di San Giovanni e la sorgente slovena Divje jezer spingendo l'esplorazione subacquea oltre il limite...

                     

A fianco dell'esploratore di relitti Lorenzo Del Veneziano, con il team Gio'Sub exploro, ci siamo spinti nelle profondità del mare e la luce di Gio'Sub è riuscita ad illuminare particolari della storia che il mare teneva gelosamente nascosta.

Sono stati mappati km di reef corallino alla ricerca della verità sul relitto dello Yolanda. Raggiungendo il relitto con un'immersione da record a -180m e seguendone i resti in profondità, fino all'incredibile quota di -211 mt. 

Abbiamo ricreato la storia dell'affondamento del Regio Sommergibile Ammiraglio Millo (Punta Stilo) e del Pietro Micca; realizzando i documentari "Exploro R.Smg. Ammiraglio Millo" e " Exploro R. Smg. Pietro Micca". Proseguendo sull'idea di promozione delle attività dell'azienda e del recupero della memoria storica di diversi relitti, iniziata con il documentario "Exploro Bianca C - Il Titanic dei Caraibi" realizzato durante le immersioni a Grenada sul relitto della nave che si inabissò in queste acque il 22 ottobre 1961 dopo un tragico incendio a bordo.
Questo assieme a tutta l'esperienza maturata al fianco dei nostri esploratori, sono i punti di forza nella progettazione degli illuminatori subacquei Gio'Sub.